Archive

Posts Tagged ‘Storia digitale’

Gallica

marzo 3, 2013 1 commento

Gallica è un’applicazione realizzata dalla Biblioteca Nazionale Francese, che permette l’accesso a due milioni di documenti digitalizzati.

Scaricando l’applicazione è possibile navigare liberamente tra più di 240.000 liGallicabri, 880.000 fascicoli di giornali e riviste, 470.000 immagini, cercare documenti inserendo una parola chiave, affinare la ricerca, creare una propria lista di preferiti, condividere il materiale tramite email, Facebook e Twitter.

Tutto il materiale disponibile è accompagnato da una scheda che ne specifica l’autore, la data il formato e che rimanda alla descrizione completa sul sito della Biblioteca Nazionale di Francia. L’applicazione è disponibile per dispositivi Apple e Android

Bacheca | La storia nell’era digitale – Convegno a Piacenza

marzo 3, 2013 1 commento

La storia nell’era digitale

Storia digitale

L’Isrec di Piacenza e la rete INSMLI organizza dal 7 al 9 marzo 2013 a Piacenza “un corso, che si avvale di esperti sui diversi versanti del tema della storia digitale rivolto a tutti i docenti – dalla

scuola primaria alle superiori – e ai comandati e

collaboratori della rete INSMLI e offrirà occasioni sia di acquisizione dell’indispensabile bagaglio informativo per districarsi nell’universo digitale, sia di sperimentazione e programmazione di attività didattiche da svolgere con i propri studenti e da trasferire ad altri colleghi.”

Bacheca | Recensioni di Storia & Digital History Reader

recensioni

Recensioni di Storia

Recensioni di Storia è una rivista che, tramite lo strumento della recensione di testi, si pone l’obiettivo di mettere in contatto giovani studiosi di di discipline storiche, permettendo loro di confrontarsi su temi e metodologie della ricerca storica.

Il risultato di questo progetto, al momento, è una pagina web in cui sono raccolte le recensioni approfondite di testi di storia, un video con alcune riflessioni sul metodo della storia orale e un intervento sulla morte di Giangiacomo Feltrinelli.

Vista la semplicità del sito e la quantità di contenuti tutt’ora disponibili, non c’è – e non se ne sente neanche la mancanza – la possibilità di fare una ricerca per categorie o per parola chiave. Unica imperfezione: la sezione Novità in libreria, in realtà non contiene delle novità.

Digital History Reader

DHR è un sito dove sono raccolti alcuni moduli indirizzati a studenti, sulla Storia degli Stati Uniti e dell’Europa moderna, organizzati in diverse sezioni.

dhr

Ogni modulo ha un’introduzione, che delinea gli obiettivi del modulo, un testo che analizza il contesto storico e gli avvenimenti legati ai moduli stessi un archivio di documenti, una sezione di valutazione dei contenuti trattati nel modulo, le conclusioni e una sezione di risorse correlate. 

Il sito e i moduli sono in inglese, quindi difficilmente utilizzabili da gran parte degli studenti qui in Italia, ma ho voluto comunque segnalare questa risorsa perché mi sembra un ottimo strumento di organizzazione e presentazione di contenuti e risorse storiche sul web

.

Bacheca | Memoria democratica pugliese & Agenda per l’informatica umanistica

Schermata 2012-12-11 a 07.42.32Memora democratica pugliese

Memoria democratica pugliese nasce dalla collaborazione tra la Fondazione Di Vagno, la Fondazione Gramsci di Puglia e l’Istituto pugliese per la storia dell’antifascismo, che hanno informatizzato i rispettivi archivi per consentire ad un numero maggiore di utenti di fruirne in maniera più veloce e diretta.

La ricerca all’interno dell’archivio può avvenire in tre modalità:

  • Selezione del fondo, che permette di esplorare i inventari degli archivi secondo le strutture di ordinamento
  • Tramite motore di ricerca, che permette sia una ricerca di base, sia avanzata
  • Per soggetto produttore a cui può corrispondere un intero fondo o solo una sua parte

Una particolare sezione del sito mostra una galleria di immagini i documenti presenti negli archivi.

Schermata 2012-12-11 a 07.42.19

Un’Agenda per l’informatica umanistica e la cultura digitale

Il 13 e il 14 dicembre si è svolto a Firenze il primo convegno dell’Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale.

L’obiettivo delle due giornate è stato quello di individuare i luoghi ed altri servizi a supporto della ricerca e didattica per l’informatica umanistica, i criteri per la valutazione delle pubblicazioni digitali nelle aree delle scienze umanistiche e le possibilità di collaborazione con altre comunità accademiche, a cominciare da quella degli informatici.

Il programma completo delle due giornate è disponibile sul sito web dell’Associazione, mentre un resoconto completo degli interventi sarà disponibile nel primo numero della rivista dell’associazione. Sul sito invece sono disponibili alcuni strumenti per continuare online il dibattito sulla storia digitale

Bacheca | Officina della Storia e Voyant

Il post bacheca di oggi è incentrato su due spunti che ci sono sembrati interessanti: una rivista storica digitale e uno strumento per l’analisi dei testi.

Officine della Storia

Officine della Storia è una rivista digitale che “si propone di fornire una panoramica sulle principali attività del mondo degli storici italiani ed europei in ambito contemporaneistico”. Gli articoli all’interno del magazine  sono suddivisi in diverse sezioni:

      • Tra le due guerre;
      • Storia dell’Italia repubblicana;
      • Archivi, Didattica e Digital Humanities;
      • Storici e uso pubblico della storia…

Ad ogni sezione sono associate una breve introduzione dell’argomento e la lista degli articoli corrispondenti, tra i quali è possibile fare una ricerca filtrando per parola chiave. La rivista viene aggiornata semestralmente, sul sito è possibile sfogliare gli indici degli otto numeri precedenti. Una sezione speciale raccoglie gli atti del Convegno internazionale di studi nei 150 anni dell’Italia unita.

Voyant

Voyant è uno strumento davvero molto utile per l’analisi sia di testi che abbiamo in locale sul nostro

computer, sia di lunghi articoli che possiamo trovare sul web. Incollando il testo o l’url sul sito è possibile ottenere un elenco delle parole più utilizzate nel testo tramite la visualizzazione di una cloud dove le parole che ricorrono più spesso nel testo sono visualizzate con una grandezza maggiore. Cliccando su ogni parola è possibile visualizzare in quali parti del testo è collocata e navigare in maniera comoda e veloce nel testo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: