Archivio

Archive for the ‘Strumenti e software’ Category

Bacheca | Prezi & Digital Tools

Prezi

Prezi è uno strumento, una web app che permette di creare presentazioni ben fatte e ben organizzate su ogni argomento, evitando l’utilizzo di Power Point. E’ sufficiente la registrazione per cominciare a creare le proprie presentazioni.

L’impatto con la pagina di costruzione della presentazione può sembrare traumatico e prezidestabilizzante, tuttavia Prezi è molto facile da gestire e inoltre on line è possibile trovare diverse guide in italiano che guidano all’utilizzo di questo strumento.

Una volta creata la presentazione, è possibile scaricarla  sul proprio computer, invitare altri utenti a modificarla o condividerla via Facebook e Twitter.

Oltre al profilo gratuito, sono disponibili vari pacchetti, come quello per studenti ed insegnanti (gratuito, per esempio, per gli studenti dell’università di Bologna) e un servizio Pro, che tra i vari vantaggi offre la possibilità di lavorare alle proprie presentazioni off line.

È inoltre disponibile un’ottima applicazione per iPad.

Doing digital history

Strumenti per la Digital History

Shawn Graham è un archeologo e un umanista digitale che ha creato proprio su Prezi un profilo interessante. In particolare la presentazione Digital Tools & Perspectives for New Graduate Students in History fornisce spunti interessanti sugli strumenti e gli approcci utlili per parlare e scrivere di storia sul web.

In questa presentazione, infatti, possiamo trovare alcuni suggerimenti, a cominciare dagli strumenti per scrivere su un computer senza distrarsi dalle notifiche continue che arrivano dal web fino ad arrivare agli stumenti per cercare, raccobgliere e catalogare informazioni. Alcuni degli strumenti elencati sono già stati già presentati nel nostro blog (vedi Zotero o Evernote), altri strumenti e consogli sono nuovi. Ne conoscete qualche altro?

Annunci

Bacheca | Officina della Storia e Voyant

Il post bacheca di oggi è incentrato su due spunti che ci sono sembrati interessanti: una rivista storica digitale e uno strumento per l’analisi dei testi.

Officine della Storia

Officine della Storia è una rivista digitale che “si propone di fornire una panoramica sulle principali attività del mondo degli storici italiani ed europei in ambito contemporaneistico”. Gli articoli all’interno del magazine  sono suddivisi in diverse sezioni:

      • Tra le due guerre;
      • Storia dell’Italia repubblicana;
      • Archivi, Didattica e Digital Humanities;
      • Storici e uso pubblico della storia…

Ad ogni sezione sono associate una breve introduzione dell’argomento e la lista degli articoli corrispondenti, tra i quali è possibile fare una ricerca filtrando per parola chiave. La rivista viene aggiornata semestralmente, sul sito è possibile sfogliare gli indici degli otto numeri precedenti. Una sezione speciale raccoglie gli atti del Convegno internazionale di studi nei 150 anni dell’Italia unita.

Voyant

Voyant è uno strumento davvero molto utile per l’analisi sia di testi che abbiamo in locale sul nostro

computer, sia di lunghi articoli che possiamo trovare sul web. Incollando il testo o l’url sul sito è possibile ottenere un elenco delle parole più utilizzate nel testo tramite la visualizzazione di una cloud dove le parole che ricorrono più spesso nel testo sono visualizzate con una grandezza maggiore. Cliccando su ogni parola è possibile visualizzare in quali parti del testo è collocata e navigare in maniera comoda e veloce nel testo.

Bacheca | Timeline Garzanti & la storia nel web

Timeline

Questa applicazione realizzata da Garzanti per iPad e scaricabile dall’Apple Store, raccoglie su una timeline oltre cinquemila anni di storia.

La timeline è organizzata in due parti. In quella superiore ci sono i personaggi, suddivisi tra personaggi storici, scrittori e letterati, artisti e architetti, filosofi, musicisti, scienziati e inventori. Cliccando su ogni personaggio è possibile visualizzare una breve biografia.

Nella parte inferiore ci sono gli eventi distinti per area geografica (mondo, Europa, Italia). Cliccando su ogni voce appare una cronologia dettagliata del periodo preso in considerazione. Su Youtube un video mostra le principali caratteristiche dell’applicazione.

Il periodo storico che abbraccia e la sua organizzazione, lo rendono uno strumento molto utile per avere sempre sotto controllo la cronologia degli avvenimenti principali per la storia dell’uomo e per fare confronti multidisciplinari. Al contrario, è pressoché nulla la possibilità di interazione da parte dell’utente. L’applicazione è solo sfogliabile, non permette di segnalare come preferiti dei risultati di ricerca, né tantomeno di creare delle timeline personali, come invece fa Timerime.

Europa e Media: la storia nel web. 

Domani, sabato 10 novembre, a Bologna presso l’Istituto Parri, si svolgerà la conferenza “Europa e Media: la storia nel web”.

Dopo una breve introduzione della ricerca, durante tutta la giornata si susseguiranno gli interventi volti all’analisi dei primi risultati in Italia, Francia, Gran Bretagna, Slovenia, Ungheria, Spagna, Grecia.

Tra i vari relatori vi segnaliamo Serge Noiret, con l’intervento La storia digitale. Storia e memoria alla portata di tutti e Piero Grandesso con La storia su Wikipedia. Pierre Sorlin concluderà la giornata.

Bacheca | Storify & History online

Nella bacheca di oggi, vi segnaliamo uno strumento utile per la ricerca e un social network che aiuta a riorganizzare le informazioni presenti in rete su un determinato argomento.

History on line

Il portale History on line  contiene più di 53.000 fonti, tra cui  le pubblicazioni di libri e articoli di riviste di carattere storico (aggiornati con cadenza mensile), tesi universitarie, progetti di storia digitale, notizie su fonti di finanziamento per i ricercatori. Si può navigare nel sito utilizzando le diverse sezioni (Books, Journals, Grant, Project…) oppure ricercando tramite parola chiave e autore. Una sezione molto interessante è quella che permette la ricerca di strumenti digitali specificandone, per esempio, categoria, scopo o sistema operativo.

Storify

In un epoca in cui gran parte delle ricerche viene fatta online, Storify potrebbe rappresentare un importate strumento

educativo proprio per raccogliere immagini, citazioni e fonti verificate da condividere tra studenti o tra studenti e professori. Storify, in sostanza, consente agli utenti di raccontare le loro storie attraverso contenuti raccolti sul web.

Per utilizzare il servizio, basta registrarsi con un account (o collegarlo al proprio attuale account Facebook o Twitter) e iniziare a creare. Storify ha due pannelli di interfaccia che consentono di raccogliere contenuti da una parte, e quindi di trascinare sul secondo pannello quello della storia che si sta creando, solo i contenuti che si desidera utilizzare.

Il suo utilizzo è ancora molto ristretto, ma esistono già esempi significativi delle sue potenzialità. Abbiamo scelto una storia realizzata su Eric Hobsbawm e un’altra incentrata sull’influenza di Walt Disney sul cinema hollywoodiano.  Ci sono sembrati degli ottimi esempi di come sia possibile aggiungere analisi e commenti alle fonti presentate attraverso questo nuovo social network.

Su Youtube, invece è presente una buona guida introduttiva a questo strumento.

Diacronie e Digital History

luglio 12, 2012 1 commento

Già a partire dal titolo e ancora di più dalla nota introduttiva è evidente come “Digital History. La storia nell’era dell’accesso“, sia tutto incentrato sul digitale.

L‘ultimo numero della rivista Diacronie è suddiviso in cinque sezioni:

  • Lo storico digitale raccoglie, nell’intervista di Claire Lemercier e negli articoli di Brian Sarnacki e Franziska Heimburger e Émilien Ruiz, alcune riflessioni sull’uso degli strumenti digitali nella ricerca storica e nella presentazione dei risultati,
  • Diversi approcci e metodi: uno lo conoscete. Vi avevamo già parlato di Zotero, l’utile strumento di raccolta e gestione dei dati bibliografici. Diacronie ne presenta un approfondimento interessante ad opera di Frédéric Clavert che ne mostra le funzioni sia di base sia avanzate. All’interno di questa sezione troverete anche l’analisi della ricerca realizzata per il Palazzo Ducale di Mantova e il Sistema di Informazione Geografica utilizzato sia per seguire  l’espansione della città di Lione a partire dal 1950, sia per analizzare l’esodo catalano del 1936.
  • Risorse digitali raccoglie le considerazioni sul portale di storia ambientale Environment & Society, una serie di risorse digitali per lo studio dell’antichità classica e alcune fonti digitali utili per lo studio della storia economica italiana.
  • Recensioni tematiche
  • Recensioni
Avevate già letto questo numero di Diacronie o conoscevate già alcuni degli argomenti che hanno trattato? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: